Money.it accoglie in Italia il Financial Times: c’è l’accordo di Syndication

L’editoria italiana segna un nuovo capitolo nella sua storia, con l’annuncio di un accordo di syndication tra la testata economico-finanziaria italiana Money.it e il rinomato quotidiano economico Financial Times (FT.com). Questa alleanza editoriale promette di rafforzare e arricchire l’esperienza informativa degli utenti tricolori interessati alle dinamiche economiche globali.

L’accordo di Syndication tra Money.it e Financial Times

Money.it, punto di riferimento nel panorama dei media italiani per gli approfondimenti economico-finanziari, ha suggellato un’intesa con il Financial Times, uno dei principali leader nel settore dell’informazione economica globale.

Grazie a questo accordo, gli abbonati a Money.it Premium potranno accedere ad una selezione di alcuni dei migliori contenuti pubblicati sul sito FT.com, potendo così godere di un pacchetto informativo più vasto e di assoluta autorevolezza. Ciò è possibile dallo scorso novembre.

La partnership prevede la traduzione in italiano degli articoli di FT.com, con la creazione di una sezione dedicata al Financial Times su Money.it. Questo permetterà ai lettori italiani della nota testata di fruire di analisi e reportage di alto livello senza barriere linguistiche, allargando l’orizzonte delle proprie conoscenze economiche.

Il prestigio del Financial Times come fonte autorevole nel panorama finanziario è indiscusso. Con una rete globale che comprende quasi 600 giornalisti, FT è famoso per la sua capacità di fornire notizie verificate con estrema attenzione, oltre alle numerose analisi approfondite che interessano il mondo degli affari e dei mercati finanziari.

Le dichiarazioni di Flavia Provenzani e Dimitri Stagnitto

Flavia Provenzani, direttore responsabile di Money.it, ha espresso grande soddisfazione per questo accordo, sottolineando che rafforzerà la posizione di Money nel panorama finanziario, grazie all’accesso ad un punto di vista più ampio e di livello internazionale sull’economia.

Anche il fondatore di Money.it, Dimitri Stagnitto, ha voluto commentare l’iniziativa, dichiarando che l’accesso alle analisi del Financial Times darà la possibilità ai lettori di scoprire una prospettiva più ampia e completa sulle dinamiche economiche attuali. Ciò renderà Money.it un porto ancor più importante per tutte le persone interessate a navigare nel mare della finanza.

L’impegno che contraddistingue sia Money.it, sia il Financial Times, è l’anima di questa collaborazione. Una sinergia tra due realtà editoriali di alto profilo che si traduce in un impegno concreto verso i lettori, i quali potranno beneficiare di un plus notevole. L’offerta editoriale di Money.it, infatti, verrà ampliata con informazioni e approfondimenti finora reperibili soltanto in lingua inglese.

Un impegno verso i lettori

L’accordo di syndication con il Financial Times rappresenta un passaggio cruciale, considerando la statura e l’autorevolezza del partner in questione. I lettori di Money.it si trovano ora in una posizione privilegiata, potendo contare su aggiornamenti tempestivi e su un’analisi economica che prende in considerazione sia il contesto locale sia quello globale. E, ricordiamolo, con una chiara traduzione in italiano.

Money.it rafforza dunque la propria posizione di leadership nel settore finanziario ed economico in Italia. Lo fa nel miglior modo possibile, estendendo la propria offerta editoriale con contenuti di qualità, e “importando” il know-how della redazione di FT.com. In sintesi, una decisione presa nell’ottica della corretta informazione e delle esigenze dei propri lettori abbonati, e di un pubblico desideroso di comprendere le complessità dell’economia globale.