I Social Media? Li Stai Usando Male. 5 Consigli per Non Fare la Fine di Justine Sacco

3. Con hashtag e tag, arrivi anche a chi non pensi

L’utilizzo degli hashtag e dei tag è molto potente, soprattutto su Twitter. Puoi facilmente attirare l’attenzione nel web, con un semplice “#” e/o “@” affiancati dalla parola chiave (con assenza di spazi). Arrivare a più persone può rivelarsi un’arma a doppio taglio, perché potresti bussare alla porta di persone a cui non avevi pensato. Prima di pubblicare, fatti due conti rispetto a chi ti vuoi rivolgere con il post.

4. Postare, cancellare e ripubblicare può insospettire, non poco

Quante volte ti è capitato di pubblicare un post sui social con la fretta e, una volta accorti dell’errore, hai cancellato il post appena lanciato in rete? Se la risposta è “almeno una volta”, ti ricorderai della sensazione di ansia e disperazione che hai provano negli attimi di attesa che sono intercorsi tra la correzione e la pubblicazione del nuovo post. Il dettaglio a cui forse non hai pensato è che, nel periodo in cui il tuo messaggio era online, molte persone potrebbero aver già letto il tuo post. Ripostarlo non risolverà il problema ma, anzi, aiuterà ad insospettire la rete (compreso il tuo capo), abbassando la tua credibilità.

5. Foto e video valgono più delle parole

Guardando al trend degli ultimi anni dove la comunicazione è sempre più veloce e sempre più incentrata sulle immagini (in movimento o meno), le foto che posterai sui canali social avranno un peso. Saranno capaci di diventare virali. Da quando Facebook ha introdotto il conteggio delle visualizzazioni sui video, inoltre, sarai in grado di capire la portata dei video di tutti i tuoi amici. Pensaci più di una volta prima di pubblicare una foto o un video: che cosa vuoi comunicare alla rete?

Justine Sacco non era da sola. Prima di lei, infatti, una lunga serie di personaggi più o meno famosi sono stati attaccati dal web. La trentenne americana ha pubblicato una frase che le è costato caro, perdendo, prima, il posto di lavoro, e, poi, la possibilità di passare una vita normale (senza essere costantemente sotto la luce negativa dei riflettori). Prima di cliccare invio su tastiera o touch screen, fermatevi a pensare a cosa potreste andare incontro. Per sempre.