Regalare i Soldi per Migliorare l’Economia, Utopia o Progresso?

Il reddito di cittadinanza

Nel 1795 Thomas Paine, padre fondatore degli Stati Uniti d’America, in un suo pamphlet “La giustizia agraria” proponeva, con l’intenzione di risolvere il problema della povertà in Francia, la creazione di una tassa di accesso alla proprietà fondiaria con la quale costituire un fondo da ripartire tra tutti i cittadini dal compimento della maggiore età fino ai 50 anni. Prima di lui solo Tommaso Moro nel suo libro Utopia (1516) aveva parlato del reddito di cittadinanza.

Già nella Dichiarazione universale dei diritti umani del 1948, l’art.25 ne fa chiaro riferimento e negli anni a seguire l’idea del reddito di cittadinanza accomunò tra le più grandi menti della storia, economisti, filosofi e premi Nobel, senza alcuna distinzione di appartenenza politica. Lo stesso Frederich Von Hayek, considerato insieme a Milton Fridman ispiratore del neo-liberismo sosteneva apertamente il reddito di cittadinanza definendolo “non soltanto è una protezione assolutamente legittima contro rischi comuni a tutti, ma è un compito necessario della Grande Società”.