Jimmy Choo è Sbarcato in Borsa, ma per l’Alta Moda i Tempi Sono Bui

Sembrano pensarla allo stesso modo anche i traders indipendenti, sulla piattaforma IG il client sentiment non lascia adito a dubbi: ben il 77% degli utenti che fa trading su questo titolo crede a un aumento del prezzo nel breve periodo.

L’arco temporale 2009-11 è stato particolarmente tribolato per quasi tutti i settori produttivi, fenomeno rispecchiato dai mercati finanziari, eppure le case d’alta moda sono riuscite a prosperare (ribaltando l’assunto che il settore luxury tenda a soffrire con la diminuzione dei consumi).

A metà 2011, Christian Dior aveva toccato in circa due anni e mezzo percentuali di crescita pari al 181%, un risultato da lasciare a bocca aperta se si considera che, in parallelo, il principale indice francese, il CAC 40, era cresciuto solo del 3% nello stesso periodo. Louis Vuitton Moet Hennessy, altro gruppo presieduto da Bernard Arnault, era cresciuto del 173%.