Lunga Vita alla Passeggiata

Avevano forse ragione gli antichi saggi messicani, secondo i quali imparare a camminare è imparare a vivere. Senza dubbio, camminare allunga la vita. A confermarlo è innanzitutto un recente studio australiano (si sa, terra di sportivi) condotto in Tasmania dal George Institute for Global Health in collaborazione con il Menzies Research Institute: dal monitoraggio di 3000 persone per un periodo di 15 anni, è emerso che un individuo sedentario disposto a fare 10000 passi al giorno sette giorni su sette riduce il rischio di mortalità del 46%. Mica male. Pure l’Università del Queensland è d’accordo: secondo i suoi ricercatori, la passeggiata giornaliera riduce la glicemia e l’indice di massa corporea con effetti benefici sull’intero sistema cardiovascolare.

Certo, di camminata non ce n’è una sola. Negli Usa per esempio è molto in voga il fitwalking (o power walking), cioè la versione non agonistica della marcia (7/9 km all’ora); il nordic walking invece è tipico della montagna, prevede appositi bastoncini e la collaborazione della braccia.