Vuoi Scrivere alla Casa Bianca? Da Oggi Puoi Usare Messenger

centralino

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /home/customer/www/smartweek.it/public_html/wpsw/wp-content/plugins/the-moneytizer/core/core_lazy_loading.php on line 47

Tradizione vuole che il numero 202-456-1111 appartenga alla Casa Bianca. Chiunque desiderasse lasciare un commento o chiedere informazioni poteva comporre questo numero e parlare direttamente con l’ufficio preposto.

La presidenza Trump, però, è intervenuta anche nelle linee telefoniche registrando il messaggio

Conosciamo già l’amore incondizionato del nuovo Presidente degli USA per i social network, ma pare che adesso i cittadini abbiano due strade alternative per mettersi in contatto con la nuova residenza di Trump.

Da un lato, il sito ufficiale della Casa Bianca offre la possibilità di lasciare un commento online. La seconda strada è lastricata di Messenger: gli Americani possono accedere alla pagina ufficiale della White House su Facebook e richiedere informazioni tramite il servizio di messaggistica istantanea di Mark Zuckerberg.

messengerPerciò il numero di telefono senza tempo della Casa Bianca è stato disattivato. In compenso, è stata aperta una nuova linea, rintracciabile con il numero 202-456-1414, che permette di mettersi in contatto con un ufficio del Governo oppure offre assistenza per lasciare un messaggio online.

È, senza dubbio, iniziata una nuova era: le tradizioni sono spazzate via e rimpiazzate da social network e messaggi istantanei.

Tuttavia, il fascino progressista di Trump viene spazzato via da uno studio del Paw Research Center, un centro di ricerca demografico statunitense, nel quale si afferma che il 13% degli Americani non usa internet. Le ragioni che spiegano questo fenomeno si concentrano principalmente su tre filoni: scarso interesse nella rete virtuale, percezione di estrema difficoltà nell’apprendere le nuove tecnologie e, infine, la classica frase

Il 45esimo Presidente degli Stati Uniti avrà anche dimostrato una grande affinità con la tecnologia, ma come fronteggerà queste barriere sociali?