SmartAnalytica, il Tuo Sguardo sul Mondo: Svalutazione dello Yuan e Pericolo Corea del Nord

Focus – Corea del Nord

La Kyodo News Agency ha dichiarato ieri in tarda serata che la Korea del Nord potrebbe essere in grado già da settimana prossima, di azionare missili balistici di lunga gittata. Inoltre, l’agenzia nipponica ha fatto presente che, secondo delle fonti all’interno del governo giapponese, vi sono degli scatti satellitari che riprendono chiaramente le apparecchiature necessarie per la preparazione ad un lancio missilistico. Secondo RT News, nulla impedisce che questo possa contenere una testata nucleare; infatti la dittatura di Kim Jong-un se non altro, può vantare di una serie di test paramilitari nei quali ha potuto affermare la propria potenza militare.

Negli ultimi tempi infatti l’occidente si è trovato a rincorrere minacce sempre più incombenti, quali la crisi dei rifugiati in Europa, l’estremismo islamico o il tracollo del mercato azionario cinese. Eppure i Koreani lo fanno sempre; il leader supremo di oggi, come suo padre Kim Jong-il prima di lui, ha condotto il quarto test nucleare poco più di due settimane fa. Pyongyang ha subito dichiarato che l’esplosione nel mezzo dell’Oceano Pacifico era stata causata da una bomba a idrogeno.

Corea del Nord

Nonostante quindi le intelligence globali si siano affrettate a cercare di capire le tecnicità dietro la capacità dell’esperimento nucleare, poco importa. Piuttosto è da notare come il paese confidi sempre più spassionatamente nella propria forza militare come deterrente per la sopravvivenza nella scacchiera geopolitica internazionale, senza venire ostacolata in maniera concreta. Tuttavia l’autocrazia Koreana ha precisato che gli usi futuri di tali attrezzature nucleari sarebbero stati condotti in maniera responsabile, e che non avrebbero usato armi nucleari per primi in nessun eventuale conflitto con un’altra super potenza.