Millennials ed il Tiny Housing: Rinnovata Attenzione alla Sostenibilità o Ossessione per il Minimalismo?

Da allora, le "piccole abitazione" hanno ricevuto sempre maggior attenzione sui media tradizionali - vari sono stati gli show televisivi andati in onda negli Stati Uniti, come Tiny House Nation e Tiny House Hunters - così come su internet (vedi video). Il prolifico sito web Tinyhousewoon.com, ad esempio, offre una miriade di storie per coloro che ancora sognano un ridimensionamento del proprio spazio abitativo: Una fiabesca casa sull'albero in Germania; una capanna costruita in West Virginia interamente da materiali riciclati; ed un'unità residenziale trasparente dalla forma cubica posizionata in Svizzera.

L'attrattività di tali soluzioni, soprattutto per le nuove generazione, è comprensibile. Lo spazio ridotto aiuta a ridurre i costi di riscaldamento dell'ambiente, riducendo così al minimo l'impatto ambientale. Il prezzo di costruzione è generalmente molto limitato - attorno ai $23,000 - così come il carico fiscale. In più le "tiny houses" vengono generalmente dotate di ruote, in modo da rendere semplici gli spostamenti.

C'è tuttavia anche chi di fronte a tutto ciò avanza il proprio scetticismo. Come la reporter Eve Andrews della rivista Grist, la quale in un articolo sull'argomento poneva una domanda tanto semplice, quanto sensata: "Questa promozione [delle tiny house] è veramente una spinta verso stili di vita più sostenibili, o è solamente la manifestazione di una preoccupazione diffusa per la 'carineria'?" Alla base del fenomeno v'è realmente un cambiamento delle coscienze collettive, un'aumentata sensibilità verso le tematiche ambientali, e la ricerca di una vita semplice, o siamo davanti all'ennesimo moda passeggiera? Del resto, così come presentate sul web, le "tiny house" appaiono delle semplici meraviglie di design, capaci di solleticare la moderna ossessione per un minimalismo architettonico e niente più.