Tagli del Personale in Microsoft, Advertising in Crisi

Benché la mossa strategica sia facilmente comprensibile, i numeri restano impressionanti. Nel primo round di licenziamenti, Microsoft ha lasciato a casa circa 13.000 impiegati, molti dei quali provenienti dalla neo-acquisita Nokia. In settembre altre 2.100 teste sono state fatte cadere, di cui 747 solo nell'area di Seattle, e il passo successivo è stato il taglio netto al settore advertising.

Moltissimi dipendenti hanno perso il lavoro, soprattutto i responsabili di ruoli specifici come la divisione "Mobile" o "Web video". Anche Yarn, un team creativo teso a garantire ad aziende e agenzie il raggiungimento di audience e performance particolari grazie alle piattaforme Microsoft, è stato completamente smantellato. Sembra che i tagli non abbiano però interessato il team executive, e questo porta a credere che si stia probabilmente ripensando a una concezione di advertising basata sulla negoziazione di partnership importanti con brand chiave, anziché limitarsi ai volumi di traffico pubblicitario.