Elezioni in Germania: la Palla alla Merkel

La palla è della Merkel, senza dubbio. Sarà lei la Cancelliera, ovviamente. Domanda: dove trova i cinque seggi? Ipotesi di alleanze con i Verdi non sono facili. Sarebbe un alleato numericamente più comodo, in quanto più piccolo, ma politicamente più pungente. Non a caso la Giamaika Koalition (Verde, Nero, Giallo, ovvero CDU/CSU, Verdi, Liberali), spesso ventilata in Laender ed enti locali è sempre stata un miraggio, sia per il diniego dei Gruenen che per l’ostinazione della destra più conservatrice. Il SPD potrebbe essere più fluido come alleato, benché la lotta per le poltrone sarebbe più aspra, nonché umiliante per la Merkel, che dovrebbe chinare il capo dopo una simile vittoria. D’altro canto la Grosse Koalition è già collaudata.

In breve, tre ipotesi: ammucchiata improbabile socialdemocratico-comunista-ambientalista (e che Iddio protegga il Bund), alleanza inedita CDU/CSU-Gruenen, riedizione della Grosse Koalition CDU/CSU-SPD del 2005, seppur con un peso della sinistra ben più ridotto che all’epoca, dove si era in pareggio sostanziale. Altrimenti ipotesi "Jolly": appoggio esterno a un monocolore della CDU/CSU, magari con intese programmatiche. Fatto inedito, ma da non escludere, per quanto la condicio sine qua non perché le sinistre chinino il capo alla Merkel deve per forza essere qualche accordo programmatico, anche per non tenere la Cancelliera in ostaggio.

Appare molto improbabile che l’epilogo sia una migrazione Scilipoti style o il goffo tentativo del governo del cambiamento di Bersani. Che piuttosto si torni alle urne. Ma con un finale già scontato.

 

Photo credit: dullhunk / Foter / CC BY-SA