Smartweek Racconta Evan Spiegel, Fondatore di Snapchat e Miliardario più Giovane al Mondo

snapchat-occhiali

Snapchat, oggi

Ad oggi, il valore di Snapchat si aggira intorno ai 20 miliardi di dollari e si stima che, in soli 5 anni, il progetto abbia raccolto un capitale di circa 2 miliardi e mezzo (Facebook, nei 7 anni che hanno portato all’IPO, ne ha raccolti 2.43).

Il successo di Spiegel ha attirato l’attenzione, tra gli altri, di Mark Zuckerberg, ceo di Facebook, che ha offerto all’imprenditore 3 miliardi di dollari nel novembre 2013. Il fondatore di Snapchat ha rifiutato l’offerta, così come ha fatto con Google – che di miliardi gliene ha offerti 4. Il perché è semplice: il potenziale dell’app è enorme e Spiegel lo sa bene.

A fine 2016 Snapchat è rinata come Snap Inc.: il motivo? Far capire che l’obiettivo è quello di espandersi oltre l’idea originale di un’applicazione di messaggistica istantanea. Ed ecco quindi che il CEO ha presentato negli ultimi mesi del 2016 Spectacles, occhiali da sole con videocamera incorporata, adatti per registrare i video di breve durata (tra i 10 e i 30 secondi). In questo modo Spiegel ha confermato di aver capito la necessità di investire laddove vi siano maggiori margini di guadagno – il business video, in questo caso, in cui le società sono disposte ad spendere ingenti somme di denaro per la pubblicità.

Si parla di una maxi-IPO tra i 20 e i 25 miliardi di dollari. Una cifra esorbitante se si pensa che le più recenti IPO di società hi-tech si sono aggirate intorno ad un valore di “soli” 3,8 miliardi di dollari. A conferma delle indiscrezioni relative alla volontà di Spiegel di quotarsi a Wall Street, oltre ai documenti inoltrati alla SEC nei mesi scorsi, ci sono le recenti aperture delle sedi di Londra e Parigi e l’assunzione di Claire Valoti, ex manager di di Facebook, alla guida del team londinese.