Smartweek Racconta Reed Hastings, il Fondatore Avventuroso di Netflix

hastings 2

Il 2007: è il momento dello streaming

In questo senso, il 2007 assomiglia molto a quel lontano 1999. Questa volta, però, non parliamo dei termini di pagamento bensì del servizio stesso. Il nuovo gigante di Hastings è pronto per offrire contenuti direttamente in streaming per tutti coloro che usano Netflix su laptop o computer fisso.

Queste le parole di un visionario Hastings, fortemente convinto delle potenzialità che l’Internet television poteva offrire a un’impresa come la sua.

Così, il lancio del servizio in streaming avviene grazie a una stretta collaborazione con il più esperto in materia, YouTube. Da questo momento in poi, Hastings ha collezionato una serie di decisioni imprenditoriali azzeccate che lo trasportano trionfante nel 2013, quando Netflix annuncia orgogliosa la sua prima serie TV originale, “House of Cards”. Tra Kevin Spacey e una trama mozzafiato, non solo si aggiudica una serie di premi ma anche il mercato azionario ne beneficia: il titolo triplica il proprio valore entro la fine dell’anno (Netflix si quota nel 2002, ndr). Come afferma lo stesso imprenditore:

Ci ha visto proprio bene. Ma a questo punto sapete tutti come va a finire la storia, dal momento che Netflix è attivo in oltre 190 Paesi, ha superato i 16 milioni di abbonati e il patrimonio personale di Hastings si aggira intorno a 1.92 miliardi di dollari.

hastings mondo

Hastings, le avventure continuano anche fuori dall'ufficio

Ciò che stupisce è che, nonostante sieda nell’Olimpo degli imprenditori di successo, si ricordi ancora dei passi che l’hanno portato fin qui. La sua estrema attenzione per i dipendenti, che adesso hanno anche ottenuto il congedo illimitato per maternità e paternità, la sua sensibilità – forse derivante anche dall’educazione paterna – per i temi della scolarizzazione e del welfare.

Infatti, Netflix si fa portavoce per ottenere la riforma dell’educazione in California soprattutto nelle charter school, degli istituti che godono di uno statuto di autonomia legato a un sistema di finanziamento derivante sia dal pubblico che dal privato. Il suo impegno è così devoto che Hastings ha attinto dalle sue stesse finanze per promuovere il passaggio di una riforma per le scuole locali. Ancora, intorno alla fine del 2013, ha investito con John Doerr, venture capitalist dell’azienda Kleiner Perkins, circa 14.5 milioni di dollari per creare un programma di matematica online per le scuole elementari e medie.

bajack horseman

Come potete vedere, il successo “non gli ha dato alla testa”. Hastings è rimasto sempre quel ragazzo concentrato che era agli inizi della sua carriera, ma soprattutto avventuroso. Solo con più saggezza ed esperienza dalla sua parte. E in qualche modo ha voluto onorare il lavoro della sua famiglia, impegnandosi attivamente nella lotta per un’educazione paritaria, per il welfare dei propri dipendenti e, in generale, per diffondere una cultura fondata sul massimo rispetto del prossimo.

Adesso non vi fate idee strane. È un uomo estremamente professionale, ma è anche capace di divertirsi e di non prendersi troppo sul serio. Indovinate qual è il suo programma preferito su Netflix? BoJack Horseman.