Carburante o Auto? Se Tassa Deve Essere, Almeno che Sia Efficace

Risolta dunque la disputa sull’efficacia delle due soluzioni impositive? Nient’affatto, perché gli autori evidenziano come anziché soffermarsi sulla cosiddetta fuel efficiency (che tiene conto della distanza percorsa) sia più rilevante considerare il total fuel usage (consumo complessivo di carburante). È quest’ultimo infatti a determinare il quantitativo di emissioni di CO2 . Con questo parametro vincerebbe la tassa sul carburante. Il motivo? Quest’ultima soluzione impositiva riuscirebbe a raggiungere meglio il consumatore non tanto idealizzato bensì desiderato, cioè quello che ha un alto consumo associato alla propria auto. Si tratta di un effetto cosiddetto di “targetizzazione” e conseguente induzione di tale consumatore all’acquisto di un veicolo efficiente (cioè che consuma e inquina poco).

Una questione di focusfuel efficiency vs. total fuel usage, e di soluzioni: tassa sul possesso dell’auto vs. tassa sul carburante. Comunque pur sempre una questione di costo per l’automobilista. Un costo che quantomeno deve tradursi in un beneficio per la collettività. Perché se tassa deve essere, almeno che sia efficace.