Carburante o Auto? Se Tassa Deve Essere, Almeno che Sia Efficace

Ebbene, chi sostiene i vantaggi di una tassa diretta sulle auto sottolinea come una tassa sul carburante pagata alla pompa sconterebbe un effetto negativo derivante dalla “miopia dei consumatori”. Questi, infatti, non riuscirebbero a tenere costo dell’aggravio futuro rappresentato dalle tasse sul carburante al momento della scelta di un nuovo veicolo. Al contrario, una tassa diretta sulle auto influenzerebbe in modo immediato la decisione d’acquisto di un veicolo in grado di ottimizzare l’uso del carburante.

E in effetti Grigolon, Reynaert e Verboven – nella stesura del loro paper -  hanno verificato come i consumatori europei trascurino il costo futuro del carburante, dimostrandosi più sensibili al prezzo iniziale d’acquisto dell’auto (in particolare, per un euro risparmiato in termini di minor costo futuro del carburante, gli acquirenti d’auto sono disposti a pagare solo € 0.87 in termini di maggior prezzo d’acquisto).

Le tasse sui carburanti, pertanto, appaiono meno efficaci nel tentativo di aumentare la propensione all’acquisto di veicoli poco inquinanti. E questo a causa della non piena sensibilità dei consumatori verso i futuri incrementi di prezzo della benzina.