Perchè il Boom delle Auto Elettriche In Norvegia è Un Problema?

Il boom di vendite e di popolarità delle auto elettriche ha colto le autorità norvegesi di sorpresa, le quali si aspettavano, inizialmente, di mantenere gli incentivi in vigore fino al 2017, o fino al raggiungimento di 50.000 auto. Al ritmo attuale, questa cifra potrebbe essere raggiunta, addirittura, agli inizi del 2015, costringendo il governo a ripensare alla sua politica di incentivi. Da solo, il conto delle esenzioni fiscali, è di 4 miliardi di corone (circa 500 milioni di euro), secondo le stime dello Stato. Il Primo Ministro, Erna Solberg, ha recentemente dichiarato al giornale norvegese VG che i vantaggi fiscali saranno probabilmente abbassati ma che comunque rimarranno ancora in vigore gli incentivi per le auto elettriche.

L'impegno è importante, considerando che il 48% dei proprietari di auto elettriche afferma che il motivo principale che l’ha spinto all’acquisto è legato al risparmio di denaro. Secondo un sondaggio condotto dalla Norwegian Elettric Vehicle Association, solo il 27% ha dichiarato di averla acquistata per motivi ambientali e solo il 12% per guadagnare tempo nel traffico cittadino attraverso l’uso di corsie preferenziali.

A favore di queste misura però si schierano le associazioni ambientaliste, secondo le quali, rimuovere gli incentivi fiscali sarebbe un grosso errore perché, attualmente, il mercato non è ancora ancora abbastanza competitivo rispetto alle automobili tradizionali e senza l’esenzione fiscale il mercato finirebbe per collassare e sarebbe difficile per la Norvegia raggiungere gli obiettivi di riduzione dei gas serra imposti dagli accordi internazionali.