Smartweek Racconta Frederick W. Smith, il Fondatore di FedEx Amante del Volo

FederalExpress

L'idea e i Corpi di Pace

Il compito, però, contiene un'idea che di lì a pochi anni avrebbe rivoluzionato il mondo: FedEx. Ancor ignaro del potenziale della sua innovazione, Smith continua la sua vita universitaria, diventando presidente della confraternita Delta Kappa Epsilon, dove diventa amico dell'ex Presidente degli Stati Uniti George W. Bush, e della società segreta Skull and Bones. Nel 1966 finalmente si laurea in economia e parte immediatamente in missione con i Corpi di Pace americani come controllore aereo.

Durante quest'esperienza, durata fino al 1969, Smith ha l'opportunità di studiare i sistemi logistici militari: ha servito per due missioni in Vietnam prima di essere congedato con onore e con il grado di Capitano. Il suo spirito di osservazione era tutto mirato alla realizzazione del suo sogno, descritto solo qualche anno prima in un fallimentare compito di economia.

Volo diretto: dagli aerei al sogno

Dopo tre anni da militare, Smith acquista la quota maggioritaria di una compagnia di manutenzione aerea, la Ark Aviation Sales, e nel 1971 la converte in un commercio di jet usati. Un mezzo per raggiungere un fine: durante questi anni guadagna la cifra sufficiente per avviare l'impresa dei suoi sogni. Così il 18 giugno 1971, Frederick W. Smith fonda Federal Express - più conosciuta come FedEx - con la sua eredità di 4 milioni e 91 milioni raccolti dai venture capitalisti.

In un'intervista dichiara:

In soli due anni, la FedEx riesce a garantire il servizio in 25 città americane grazie alle iniziali consegne di piccoli pacchi e documenti. L'obiettivo di Smith è costruire un sistema integrato terra-aria in grado di raggiungere la destinazione entro 24 ore, un'innovazione mai pensata prima di allora, sulla scia dei metodi di consegna delle camere di compensazione delle banche.

las_vegas

Un quadrifoglio come alleato

La lentezza richiesta per la messa a punto di tutti i meccanismi aziendali causa, come è facile immaginare, una quasi assenza di ricavi e una costante crescita dei soldi. Con i pagamenti delle tasse alle porte e nessun fondo per coprirle, Smith decide di prelevare gli ultimi cinque mila dollari dalla cassa della FedEx e di andare a Las Vegas. Con una partita a blackjack (un gioco di carte, ndr), riesce a vincere 27 mila dollari, più che sufficienti a pagare i 24 mila dollari di tasse sul carburante.

Lui stesso ama ricordare:

Grazie a questo colpo di fortuna, entro il 1976 FedEx inizia a realizzare dei profitti, grazie all'estensione del servizio anche al trasporto di sangue e organi. Nonostante la competizione con UPS e altri operatori, l'azienda può contare su una base di clienti solida e in continua crescita e sulla partnership con il Governo. La stabilità finanziaria arriva solo nel 1978, quando Smith inizia a vendere le azioni sul mercato di New York. Ma il vero traguardo da festeggiare è datato 1984, quando si raggiunge il miliardo di fatturato.