Occupy Central, l’Economia Dietro Le Proteste Pro-democratiche di Hong Kong

 Il quadro completo della situazione ci suggerisce quindi che, se da una parte le agitazioni civili potrebbero naturalmente provocare qualche danno all'economia di Hong Kong, dall'altra, è alquanto probabile che sia stato lo stesso andamento incerto di un'economia già in difficoltà ad aver contribuito, anche se indirettamente, all'emergenza di tale malcontento. Come evidenziato dagli ultimi dati disponibili, il tasso di crescita del GDP di Hong Kong si è drasticamente ridotto nell'ultimo trimestre, raggiungendo il segno meno, senza fornire alcun segno particolare che tale tendenza sarà presto invertita (vedi Figura 2).

Figura 2. Tasso di crescita GDP di Hong Kong (2012 - 2014)

hong-kon-protesta-2Dati tratti da Trading Economics

Tuttavia le recenti rivendicazioni cinesi di stampo politico sull'isola, e le conseguenti preoccupazioni che hanno alimentato i movimenti di protesta, sembrano essere il risultato di una più complessa dinamica economica, la cui origine è da rintracciare nei primissimi anni di vita di Hong Kong, come ex-colonia dell'Impero Britannico, tutt'ora in azione.